Ecco, il grosso è fatto! Scaricato l’ultimo scatolone,  salutati a mamma e papà chiudi la porta alle tue spalle e davanti un portone! Non appena realizzi che non vivi più in famiglia, che sei lontano da casa l’odore di libertà e di indipendenza quasi sovrasta il profumo della cena pronta che i tuoi ti hanno lasciato per i “primi” giorni. Eccoci, ci siamo, è il momento in cui finiti i preparativi, inizia la nuova vita da fuori sede.

Non solo feste, le serate in giro con gli amici e le nottate interminabili a chiacchierare sul divano, ma anche esami, lezioni e tutte quelle piccole cose della vita quotidiana che fin ora avevi ignorato, la spesa, le bollette, il pranzo, le pulizieee! Ma come organizzarsi all’università con il tempo e soprattutto con il denaro?

Il budget

office

 

Il budget dello studente è risaputo essere striminzito (grazie comunque a mamma, papà e ai nonni, che senza di loro non sarebbe possibile poter scegliere la città e l’università nella quale studiare), ma il consiglio dei consigli è non spendere tutto la prima settimana! Molto dipende dalle scadenze per l’affitto e le bollette, insegnategli a organizzarsi con le spese. Se proprio non si sbarca il lunario, perché no un lavoretto part-time?! Ma ricordatevi che l’obbiettivo principale è studiare (e possibilmente passare gli esami) meglio avere più tempo per studiare e laurearsi più in fretta che lavorare e dover pagare il fuori corso.

La Cucina

Financial planning and development illustration

In parte legata al budget (e alla frequenza con la quale arriva il pacco da casa) un altro degli immancabile quesiti esistenziali dello studente è “cosa MI mangio?”. Ecco oltre agli apprezzatissimi piatti preparati da mamma e papà, sapientemente congelati o custoditi in barattoli, sarebbe ottimo anche se i pulcini fossero in grado di cucinarsi qualcosa, una frittata, un bel piatto di pasta o una bella e ricca insalata! Poche e semplici ricette scritte su un quaderno non sarebbero per nulla male o un’occhiata a quell’ immensa e ormai immancabile fonte di informazioni che è internet. E poi male che vada, c’è sempre la mensa.

Il tempo

Financial planning and development illustration

Programmare, pianificare, fare la spesa, cucinare etc. tutte queste cose richiedono tempo. Anche se quello che ha fatto sempre finora è stato studiare, l’Università è tutt’altra cosa, corsi, lezioni ed esami e con il fatto che non c’è nessuno a tirargli le orecchie ed assicurarsi che abbia fatto i compiti come per il liceo, inizialmente potrebbe risultare un po’ complicato. Ma basta organizzarsi e soprattutto organizzare e gestire il tempo! Ovviamente l’ideale sarebbe studiare poco a poco così da evitare la corsa contro il tempo prima della sessione d’esame. Per le cose di casa, insegnagli a mantenere la stanza pulita, così da evitare di dover sacrificare un intero fine settimana per le pulizie di primavera, oltre che dover perdere tempo per trovare quel libro poggiato da qualche parte in camera. Per la spesa consiglia di dedicare un giorno per rifornire la dispensa per il resto della settimana, così non dovrà passare ogni giorno al supermercato. Ma soprattutto ricordagli di trovare il tempo anche per gli amici, per le feste, per la spaghettata di mezza notte e per tutte quelle belle esperienze di socialità e di crescita che la vita all’università gli riserverà.

 

Share: